RETROSPETTIVA. I SAPORI DI SEUL. CENA DEI SOCI AL CHOI.

SEUL, COREA DEL SUD.

Pregevolissima fusione di influenze coreane ed europee unita a composizioni esteticamente bizzarre e seducenti: queste le note che il celebre chef Choi Hyun-seok e il suo staff hanno suonato magistralmente questa primavera per i soci BMW i Pure Impulse al ristorante CHOI. di Seul.

I 49 ospiti coreani sono stati accolti all’arrivo da un flûte di champagne, degno benvenuto del sofisticato ristorante che lo chef Choi dirige nella metropoli di Seul, nell’altrettanto esclusivo distretto di Gangnam. Prima di sedersi a tavola per gustare le squisite creazioni del rinomato chef coreano, i membri BMW i Pure Impulse sono stati accolti da Wolfgang Hacker, Head of Brand Management di BMW Korea, e hanno conosciuto personalmente lo chef Choi Hyun-seok, che si è presentato agli ospiti descrivendo il raffinato menù. Nel corso della serata, lo chef è poi tornato di volta in volta ai tavoli per illustrare personalmente agli ospiti i diversi piatti.

La vera protagonista della serata è stata l’incredibile cena a base di otto portate. Composto da piatti esteticamente sensazionali e squisitamente sopraffini al contempo, il menù comprendeva la strabiliante Crystal Salad Ball, ossia un’insalata di amaebi – gamberi dolci crudi – magicamente racchiusi in una commestibile sfera trasparente, una deliziosa salsa a base di foglie di sesamo e salsa Gochujang, carne di manzo locale, tartufo, nonché il tipico Mac Doenjang, ossia carne di maiale grigliata condita con salsa di soia e salsa al vino porto, ed ancora zuppa di pollo Sam-Gye-Tang, riso dolce, ginseng e foie gras. Un incontro delicato e sapiente tra le tradizioni culinarie europea e coreana.

Di certo non poteva mancare un finale a sorpresa. Per dessert, infatti, lo chef coreano e il suo e zelante staff hanno ricreato fedelmente una BMW i8 rossa, una vera e propria opera d’arte che molti ospiti avrebbero preferito portare a casa e non divorare sul posto. Al termine di una serata all’insegna dell’eccellenza gastronomica, il simpatico chef si è poi prestato a scattare numerose foto ricordo con gli ospiti, prima che questi lasciassero la sala a notte inoltrata con un omaggio: della squisita cioccolata artigianale Dallmayr, ennesimo dolce emblema dell’incontro di gusto tra Europa e Corea.